Traduttore

mercoledì 18 aprile 2018

Orzo

Ogni chicco di orzo equivale a una ricarica di energia. Si può inserire nelle pietanze è ottimo da bere, l'orzo toglie le tossine acide e attiva le funzioni metaboliche. Il migliore è quello integrale. L'orzo è un cereale molto adattabile a tutti i stili alimentari, è l'alimento più indicato in Primavera. In cucina si utilizzano i chicchi, le aziende lo trasformano in malto, da cui si ottiene la birra e il whisky. In polvere o solubile, l'orzo diventa un ottimo sostituto del caffè e in fiocchi, si abbina facilmente al latte per la colazione del mattino o in aggiunta a brodi e passati di verdura. In commercio esiste anche il latte di orzo, una bevanda che può essere usata come sostituto del comune latte (per gli intolleranti al lattosio) oppure utilizzata nella preparazione dei frullati. L'orzo ha un potere nutritivo molto importante: è ricco di vitamine (B, A, C,), di sali minerali e aminoacidi ma principalmente di carboidrati a lento rilascio e di una percentuale sufficiente di fibra, preziosa specialmente quando si tratta di regolare il livello della glicemia e del colesterolo. Buon drenante intestinale l'orzo, grazie ai betaglucani presenti nella fibra è efficace in caso di disturbi gastrointestinali, nella sindrome della colite e gonfiore addominale. Contiene il ferro, il potassio e tanto calcio: per questo è consigliato a chi, in particolare le persone anziane, hanno problemi di osteoporosi. In commercio è possibile acquistare, anche online, l'orzo integrale, il decorticato e quello perlato. 

mercoledì 11 aprile 2018

Erba Medica

Ritenuto il "super integratore", l'erba medica è un aiuto per le ossa, l'intestino e la memoria. Accelera il ricambio cellulare, sostiene il metabolismo e migliora le prestazioni fisiche e mentali. Gli antichi medici arabi inserivano i germogli dell'erba medica agli infusi e alle minestre, perchè già conoscevano le eccellenti virtù ricostituenti. In effetti si sta parlando di una pianta molto nutriente. L'erba medica ha i minerali, le proteine (il 55%), la vitamina A e la vitamina E, essenziale per la salute dei muscoli e per il cuore. Di recente, una serie di ricerche hanno rilevato l'importanza dell'erba medica di avere la capacità di bloccare la formazione dei vasi sanguigni che alimentano le cellule tumorali. Oltre ad avere tanti benefici, l'erba medica contiene i fitoestrogeni (gli ormoni vegetali), adatti per rafforzare la struttura ossea, e sostanze che diminuiscono il colesterolo "cattivo". L'elevata dose di vitamina K presente nell'erba medica la rende utile anche per proteggersi da piccole emorragie o mestruazioni abbondanti. 

giovedì 5 aprile 2018

Kerria

Spesso viene chiamata anche "rosa del Giappone", la kerria è un arbusto perenne che fa parte alla famiglia delle rosacee. E' una pianta poco esigente e quindi può gratificare parecchio i principianti del giardinaggio. Cresce rapidamente e si adatta bene in qualsiasi terreno. La kerria raggiunge un'altezza massima di 2,5 metri, un'estensione in larghezza di 1,5 metri e in primavera si ricopre di tante semplici roselline di colore giallo. Si adatta all'esposizione al sole o a mezz'ombra, l'importante è che la luce solare non sia troppo diretta sennò si noterà una decolorazione sui fiori. La kerria ha le foglie piccole, verde chiaro e a margine seghettato. Si adatta bene a crescere come arbusto isolato ma è altrettanto idonea a formare siepi miste. Se la kerria viene coltivata in vaso bisogna annaffiarla regolarmente, mentre in piena terra è sufficiente fare delle irrigazioni saltuarie, collegate all'andamento delle piogge. E' importante, ogni anno, concimare la kerria con stallatico in pellet, da distribuire a manciate alla sua base, sulla proiezione della chioma sul suolo.